Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.
Per ulteriori informazioni Clicca qui

Venerdì, 25 May 2018 07:27

Imposta di soggiorno

Cos'è l'Imposta di soggiorno

L’imposta di soggiorno è l’imposta a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive (secondo quando previsto dall'art. 4 del Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23).

Con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 22/05/2012, il Comune di Brunate ha istituito l'Imposta di soggiorno e approvato il Regolamento per la sua applicazione.

 

Chi paga l'Imposta di soggiorno

Tutti coloro che pernottano in strutture ricettive presenti sul territorio Comunale.

 

Misure dell'Imposta

Alberghi da 1 a 3 stelle, € 2,00 a notte per persona.

Alberghi da 4 stelle, € 3,00 a notte per persona.

Alberghi superiori a 4 stelle, € 4,00 a notte per persona.

B&B e altre strutture ricettive (casa vacanze ecc.), € 1,00 a notte per persona.

 

Esenzioni

Le esenzioni previste per l’applicazione dell’imposta di soggiorno sono le seguenti (art. 5):

  • i minori entro il quattordicesimo anno di età
  • le persone che assistano degenti ricoverati presso strutture sanitarie pubbliche/private

Non pagano l'imposta di soggiorno le locazioni ad uso turistico concluse ai sensi dell’art. 1, comma 2, lettera c) della Legge 431/1998 "Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili ad uso abitativo".

Dal sedicesimo giorno in poi l'imposta non è più dovuta (pagamento solo per i primi quindici giorni)

Pagamento

L’ospite dovrà riversare l’imposta direttamente al gestore della struttura. In caso contrario occorre compilare i seguenti moduli, che trovi nella sezione Modulistica:

  • Nel caso di rifiuto da parte dell’ospite al pagamento, il gestore dovrà richiedere la compilazione del "Dichiarazione omesso pagamento a cura dell'ospite";
  • nel caso di diniego alla compilazione del modello da parte dell’ospite sarà cura del gestore compilare il "Dichiarazione di omesso versamento a cura del gestore".
  • Nel caso di applicazione delle esenzioni dovrà essere richiesta la compilazione del "Dichiarazione di esenzione", e eventuale documentazione a supporto nel caso di esenzioni per malattia o assistenza al degente.

I modelli e la documentazione dovranno essere conservati dal gestore ed esibiti in caso di controllo da parte dell’amministrazione.

Adempimenti per il gestore:

Versamenti

Entro venti giorni dalla fine di ciascun mese solare, il gestore della struttura ricettiva comunica al Comune il numero di coloro che hanno pernottato nel corso del mese precedente, distinti per fasce tariffarie, unitamente al relativo periodo di permanenza

Il gestore della struttura ricettiva, al termine di ciascun soggiorno, provvede a richiedere il pagamento dell'imposta nella misura dovuta, dietro rilascio di apposita quietanza. Le somme riscosse a titolo di imposta dalla struttura nel corso di ciascun mese solare devono essere versate al Comune entro il giorno venti del mese successivo.

Sono esentati dal pagamento dell'imposta i minori entro il quattordicesimo anno di età. Sono altresì esentati dal pagamento i malati e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie.

Il pagamento può essere realizzato in uno dei seguenti modi:

  • bonifico bancario intestato a: Comune di Brunate - Via alla Chiesa, 2 - 22034 Brunate (CO), Banca Popolare di Sondrio codice IBAN: IT 87 Y 05696 10900 0000 0840 1X89;
  • versamento su conto corrente postale n. 15335227 - Tesoreria Comune di Brunate.

 

Dichiarazione

La dichiarazione deve essere presentata entro e non oltre il giorno venti del mese successivo al periodo della dichiarazione. La dichiarazione può essere presentata direttamente al protocollo comunale oppure tramite raccomandata, PEC. Non è considerata valida la dichiarazione presentata tramite posta elettronica non certificata. La dichiarazione deve essere presentata anche nel caso in cui l’imposta da versare sia pari a zero.

 

Conto della gestione

Si ricorda infine che i gestori delle strutture ricettive, in quanto incaricati di maneggio di denaro pubblico sono qualificati come agenti contabili e pertanto soggetti alla giurisdizione della Corte dei Conti secondo le norme e le procedure delle leggi vigenti. Tra gli obblighi degli agenti contabili è compresa la presentazione entro 30 giorni dalla chiusura dell’esercizio finanziario, ovvero entro il 30 gennaio, del conto della gestione.

 

Sanzioni

in caso di omessa, incompleta o infedele dichiarazione alle prescritte scadenze nonché in caso di violazioni degli obblighi di riversamento è prevista l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00, ai sensi dell’art. 7-bis, comma 1, del D. Lgs. N. 267/2000.

 

pdf Regolamento Imposta Soggiorno (113 KB)

folder Imposta di soggiorno  (moduli)

pdf Brochure incontro 7 giugno 2018 (265 KB)  (spiegazione adempimenti e relativi link)

Pubblicato in Tributi e pagamenti

Da mercoledì 2 maggio 2018 è attivo il servizio di rilascio della Carta di identità elettronica

CIE

COME È FATTA LA NUOVA CARTA D’IDENTITÀ

La Carta di identità elettronica (CIE) è l’evoluzione del classico documento d’identità cartaceo.

La CIE mantiene quale funzione principale quella del documento di identificazione: consente pertanto di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero.

Rispetto alla classica carta d’identità cambiano i materiali e le dimensioni: adesso il documento sarà in policarbonato e avrà le dimensioni di una carta di credito.

CARATTERISTICHE TECNICHE

La CIE avrà le seguenti caratteristica:

supporto in policarbonato personalizzato recante la foto e i dati del cittadino, corredato altresì da elementi di sicurezza (ologrammi, sfondi di sicurezza, micro scritture ecc.);
un microprocessore che ha funzione di:

  • protezione da contraffazione per i dati anagrafici, la foto e le impronte del titolare;
  • strumento per consentire l’autenticazione in rete da parte del cittadino, finalizzata alla fruizione dei servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni;
  • fattore abilitante ai fini dell’acquisizione di identità digitali sul Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);
  • fattore abilitante per la fruizione di ulteriori servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

La carta ha un numero seriale stampato sul fronte in alto a destra, che prende il nome di numero unico nazionale (del tipo CA00000AA).

I dati del titolare presenti sul documento sono:

  • Comune emettitore
  • Nome e Cognome del titolare
  • Luogo e data di nascita
  • Sesso
  • Statura
  • Cittadinanza
  • Immagine della firma del titolare
  • Validità per l’espatrio
  • Fotografia
  • Immagini di 2 impronte digitali (un dito della mano destra e un dito della mano sinistra), per la lettura delle quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno
  • Genitori (nel caso di carta di un minore)
  • Codice fiscale
  • Estremi dell’atto di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Comune di iscrizione AIRE (per i cittadini residenti all’estero)
  • Codice fiscale sotto forma di codice a barre
  • Al momento della richiesta di emissione della Carta di Identità Elettronica le persone maggiorenni possono esprimere la propria volontà a donare organi e tessuti sottoscrivendo una dichiarazione che sarà inviata al Sistema Informativo Trapianti (SIT).

La CIE non sarà stampata e consegnata direttamente a sportello al momento della richiesta, ma sarà spedita entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, all'indirizzo indicato dal richiedente (propria residenza o presso diverso domicilio, oppure presso gli stessi uffici del Comune).
Le carte d’identità in formato cartaceo ed elettronico rilasciate in precedenza restano valide fino alla loro data di scadenza.
La carta d’identità cartacea potrà essere rilasciata immediatamente allo sportello nei casi di reale e documentata urgenza, segnalati dal richiedente per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi o gare pubbliche.
Sono altresì rilasciate in formato CIE le carte d’identità richieste da cittadini dimoranti nel Comune ma che non hanno la residenza, salvo i casi di urgenza documentati. In questo caso è obbligatorio per il Comune richiedere il nulla osta del Comune di residenza.
Sono emesse in formato CIE le carte d’identità dei cittadini impossibilitati a recarsi personalmente presso l’Ufficio Anagrafe (“a domicilio”). Unicamente in questo caso è ammessa la mancata registrazione delle impronte digitali.
Al termine della procedura di richiesta al richiedente verrà rilasciato un modulo con il riepilogo dei dati contenente il numero della CIE e la prima parte del PIN e PUK (la seconda parte sarà contenuta nella lettera che verrà spedita dall'Istituto Poligrafico). Il modulo di riepilogo non costituisce un sostitutivo del “documento d'identità” richiesto.

CHI PUÒ RICHIEDERLA

La CIE può essere rilasciata a tutti i cittadini maggiorenni e minorenni residenti sul territorio comunale.

Viene rilasciata:

  • a coloro che chiedono per la prima volta la carta di identità, presentando un altro documento d’identità (passaporto o documenti d’identità del paese d’origine) o due testimoni muniti di documenti d’identità;
  • a coloro ai quali la carta d'identità risulta scaduta, presentando il vecchio documento;
  • in caso di smarrimento, furto o deterioramento della carta ancora in corso di validità, presentando denuncia di smarrimento/furto alle autorità competenti o il documento deteriorato.

Per il rilascio della CIE da parte degli Uffici consolari ai cittadini italiani residenti all’estero ed iscritti all'AIRE, si è in attesa di una specifica disciplina individuata dai Ministeri degli Esteri e dell’Interno. Fino a tale momento continuerà ad essere emesso il documento in formato cartaceo.

VALIDITÀ PER L’ESPATRIO

La CIE può essere rilasciata valida o non valida per l'espatrio per i cittadini italiani. Quando non è valida per l'espatrio sulla carta appare apposita dicitura.

È sempre rilasciata non valida per l'espatrio ai cittadini stranieri (comunitari e extracomunitari) maggiorenni e minorenni.

Per un elenco aggiornato dei paesi in cui è possibile entrare con la carta d'identità, si consiglia di consultare il sito http://www.viaggiaresicuri.it, selezionando il paese di proprio interesse.

MINORENNI

La CIE viene rilasciata al minore:

VALIDA PER L’ESPATRIO: per i minori cittadini italiani, previo assenso di entrambi i genitori, i quali devono recarsi agli sportelli insieme al minore. Nel caso non sia possibile per uno dei genitori presentarsi allo sportello, è possibile dare il proprio assenso compilando il modulo disponibile nella sezione “modulistica” e allegando fotocopia del proprio documento d'identità in corso di validità.
Nel caso di rifiuto all'assenso da parte di un genitore, è necessaria l'autorizzazione del Giudice Tutelare.
Sulla carta di identità dei minori di 14 anni valida per l'espatrio, è possibile riportare il nome dei genitori. Quando non è riportato sul documento del minore di 14 anni il nome dei genitori è necessario, per recarsi all'estero con i genitori, munirsi almeno di un certificato di nascita del minore dal quale risultino i nomi dei genitori. Se il minore di anni 14 si reca all'estero non accompagnato da almeno un genitore è necessario richiedere in Questura la dichiarazione di accompagnamento (modulo disponibile sul sito della Polizia di Stato).
NON VALIDA PER L’ESPATRIO: con la presenza, assieme al minore, di almeno un genitore. Il rilascio è possibile in tal caso previa esibizione di un precedente documento d’identità oppure con la presenza di un testimone maggiorenne munito di proprio documento d’identità personale.


DURATA E RINNOVO

La validità della CIE è di:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Il rinnovo può essere richiesto 6 mesi prima della data di scadenza stessa.

Non è previsto il rinnovo a seguito di variazione di dati riguardanti lo stato civile, la residenza o la professione.


DOVE RICHIEDERLA

Il rilascio del documento avviene unicamente presso la sede dell’ufficio Anagrafe, via alla Chiesa 2

È possibile prenotarsi di persona, recandosi all’URP, oppure tramite il sito web http://www.cartaidentita.interno.gov.it/.

Per i cittadini impossibilitati per gravi motivi di salute a presentarsi allo sportello, un delegato dovrà richiedere l’emissione del documento nella versione cartacea, che vedrà il passaggio di personale comunale (per la verifica dell’identità della persona e l’eventuale firma) a domicilio dell’interessato.

DOCUMENTAZIONE DA PORTARE IN ANAGRAFE

  • UNA FOTOGRAFIA: su sfondo chiaro, con posa frontale, a capo scoperto (salvo i casi in cui la copertura del capo sia imposta da motivi religiosi, purché il viso sia ben visibile). La fotografia può essere consegnata anche in formato digitale su chiavetta USB con le seguenti caratteristiche: definizione immagine almeno 400 dpi, dimensione del file massimo 500kb, formato del file JPEG;
  • CARTA DI IDENTITÀ SCADUTA O IN SCADENZA, oppure DENUNCIA DI FURTO O SMARRIMENTO della precedente Carta d'Identità resa presso le Autorità competenti, in originale, CARTA D’IDENTITÀ DETERIORATA;
  • TESSERA SANITARIA/CODICE FISCALE (Carta Nazionale dei Servizi);
  • (minori) MODULO DI ASSENSO per il rilascio della carta valida per l'espatrio, nel caso di minore accompagnato da un solo genitore;
  • (stranieri) PERMESSO DI SOGGIORNO O CARTA DI SOGGIORNO, in corso di validità;
  • (stranieri) PASSAPORTO O DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO DEL PAESE ESTERO (COMUNITARIO E EXTRACOMUNITARIO), rilasciato dal paese di origine, da presentare in caso di richiesta della prima carta di identità.

COSTO

Il costo per il rilascio della Carta di Identità Elettronica è di Euro 25,00 (€ 28,00 per il duplicato), di cui 16,79 quali rimborso in favore dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per i costi di emissione e spedizione.

Il versamento, in contanti, deve essere effettuato direttamente all'Anagrafe prima di procedere all'avvio della pratica di acquisizione dati.

TEMPI DI CONSEGNA

La consegna tramite posta entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta all'indirizzo di residenza o di domicilio indicato dal richiedente, che può essere anche l’Ufficio URP del Comune.

La CIE viene consegnata tramite lettera raccomandata e per il ritiro può essere indicato, al momento della richiesta, un delegato (nel caso dell’URP sarà il dipendente incaricato).

 

Modulistica

Pubblicato in Notizie dal Comune
Giovedì, 12 April 2018 12:36

Carta di identità elettronica

CIE

COME È FATTA LA NUOVA CARTA D’IDENTITÀ

La Carta di identità elettronica (CIE) è l’evoluzione del classico documento d’identità cartaceo.

La CIE mantiene quale funzione principale quella del documento di identificazione: consente pertanto di comprovare in modo certo l’identità del titolare, tanto sul territorio nazionale quanto all’estero.

Rispetto alla classica carta d’identità cambiano i materiali e le dimensioni: adesso il documento sarà in policarbonato e avrà le dimensioni di una carta di credito.

CARATTERISTICHE TECNICHE

La CIE avrà le seguenti caratteristica:

supporto in policarbonato personalizzato recante la foto e i dati del cittadino, corredato altresì da elementi di sicurezza (ologrammi, sfondi di sicurezza, micro scritture ecc.);
un microprocessore che ha funzione di:

  • protezione da contraffazione per i dati anagrafici, la foto e le impronte del titolare;
  • strumento per consentire l’autenticazione in rete da parte del cittadino, finalizzata alla fruizione dei servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni;
  • fattore abilitante ai fini dell’acquisizione di identità digitali sul Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);
  • fattore abilitante per la fruizione di ulteriori servizi a valore aggiunto, in Italia e in Europa.

La carta ha un numero seriale stampato sul fronte in alto a destra, che prende il nome di numero unico nazionale (del tipo CA00000AA).

I dati del titolare presenti sul documento sono:

  • Comune emettitore
  • Nome e Cognome del titolare
  • Luogo e data di nascita
  • Sesso
  • Statura
  • Cittadinanza
  • Immagine della firma del titolare
  • Validità per l’espatrio
  • Fotografia
  • Immagini di 2 impronte digitali (un dito della mano destra e un dito della mano sinistra), per la lettura delle quali è necessario il rilascio dell’autorizzazione da parte del Ministero dell’Interno
  • Genitori (nel caso di carta di un minore)
  • Codice fiscale
  • Estremi dell’atto di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Comune di iscrizione AIRE (per i cittadini residenti all’estero)
  • Codice fiscale sotto forma di codice a barre
  • Al momento della richiesta di emissione della Carta di Identità Elettronica le persone maggiorenni possono esprimere la propria volontà a donare organi e tessuti sottoscrivendo una dichiarazione che sarà inviata al Sistema Informativo Trapianti (SIT).

La CIE non sarà stampata e consegnata direttamente a sportello al momento della richiesta, ma sarà spedita entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, all'indirizzo indicato dal richiedente (propria residenza o presso diverso domicilio, oppure presso gli stessi uffici del Comune).
Le carte d’identità in formato cartaceo ed elettronico rilasciate in precedenza restano valide fino alla loro data di scadenza.
La carta d’identità cartacea potrà essere rilasciata immediatamente allo sportello nei casi di reale e documentata urgenza, segnalati dal richiedente per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi o gare pubbliche.
Sono altresì rilasciate in formato CIE le carte d’identità richieste da cittadini dimoranti nel Comune ma che non hanno la residenza, salvo i casi di urgenza documentati. In questo caso è obbligatorio per il Comune richiedere il nulla osta del Comune di residenza.
Sono emesse in formato CIE le carte d’identità dei cittadini impossibilitati a recarsi personalmente presso l’Ufficio Anagrafe (“a domicilio”). Unicamente in questo caso è ammessa la mancata registrazione delle impronte digitali.
Al termine della procedura di richiesta al richiedente verrà rilasciato un modulo con il riepilogo dei dati contenente il numero della CIE e la prima parte del PIN e PUK (la seconda parte sarà contenuta nella lettera che verrà spedita dall'Istituto Poligrafico). Il modulo di riepilogo non costituisce un sostitutivo del “documento d'identità” richiesto.

CHI PUÒ RICHIEDERLA

La CIE può essere rilasciata a tutti i cittadini maggiorenni e minorenni residenti sul territorio comunale.

Viene rilasciata:

  • a coloro che chiedono per la prima volta la carta di identità, presentando un altro documento d’identità (passaporto o documenti d’identità del paese d’origine) o due testimoni muniti di documenti d’identità;
  • a coloro ai quali la carta d'identità risulta scaduta, presentando il vecchio documento;
  • in caso di smarrimento, furto o deterioramento della carta ancora in corso di validità, presentando denuncia di smarrimento/furto alle autorità competenti o il documento deteriorato.

Per il rilascio della CIE da parte degli Uffici consolari ai cittadini italiani residenti all’estero ed iscritti all'AIRE, si è in attesa di una specifica disciplina individuata dai Ministeri degli Esteri e dell’Interno. Fino a tale momento continuerà ad essere emesso il documento in formato cartaceo.

VALIDITÀ PER L’ESPATRIO

La CIE può essere rilasciata valida o non valida per l'espatrio per i cittadini italiani. Quando non è valida per l'espatrio sulla carta appare apposita dicitura.

È sempre rilasciata non valida per l'espatrio ai cittadini stranieri (comunitari e extracomunitari) maggiorenni e minorenni.

Per un elenco aggiornato dei paesi in cui è possibile entrare con la carta d'identità, si consiglia di consultare il sito http://www.viaggiaresicuri.it, selezionando il paese di proprio interesse.

MINORENNI

La CIE viene rilasciata al minore:

VALIDA PER L’ESPATRIO: per i minori cittadini italiani, previo assenso di entrambi i genitori, i quali devono recarsi agli sportelli insieme al minore. Nel caso non sia possibile per uno dei genitori presentarsi allo sportello, è possibile dare il proprio assenso compilando il modulo disponibile nella sezione “modulistica” e allegando fotocopia del proprio documento d'identità in corso di validità.
Nel caso di rifiuto all'assenso da parte di un genitore, è necessaria l'autorizzazione del Giudice Tutelare.
Sulla carta di identità dei minori di 14 anni valida per l'espatrio, è possibile riportare il nome dei genitori. Quando non è riportato sul documento del minore di 14 anni il nome dei genitori è necessario, per recarsi all'estero con i genitori, munirsi almeno di un certificato di nascita del minore dal quale risultino i nomi dei genitori. Se il minore di anni 14 si reca all'estero non accompagnato da almeno un genitore è necessario richiedere in Questura la dichiarazione di accompagnamento (modulo disponibile sul sito della Polizia di Stato).
NON VALIDA PER L’ESPATRIO: con la presenza, assieme al minore, di almeno un genitore. Il rilascio è possibile in tal caso previa esibizione di un precedente documento d’identità oppure con la presenza di un testimone maggiorenne munito di proprio documento d’identità personale.


DURATA E RINNOVO

La validità della CIE è di:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Il rinnovo può essere richiesto 6 mesi prima della data di scadenza stessa.

Non è previsto il rinnovo a seguito di variazione di dati riguardanti lo stato civile, la residenza o la professione.


DOVE RICHIEDERLA

Il rilascio del documento avviene unicamente presso la sede dell’ufficio Anagrafe, via alla Chiesa 2

È possibile prenotarsi di persona, recandosi all’URP, oppure tramite il sito web http://www.cartaidentita.interno.gov.it/.

Per i cittadini impossibilitati per gravi motivi di salute a presentarsi allo sportello, un delegato dovrà richiedere l’emissione del documento nella versione cartacea, che vedrà il passaggio di personale comunale (per la verifica dell’identità della persona e l’eventuale firma) a domicilio dell’interessato.

DOCUMENTAZIONE DA PORTARE IN ANAGRAFE

  • UNA FOTOGRAFIA: su sfondo chiaro, con posa frontale, a capo scoperto (salvo i casi in cui la copertura del capo sia imposta da motivi religiosi, purché il viso sia ben visibile). La fotografia può essere consegnata anche in formato digitale su chiavetta USB con le seguenti caratteristiche: definizione immagine almeno 400 dpi, dimensione del file massimo 500kb, formato del file JPEG;
  • CARTA DI IDENTITÀ SCADUTA O IN SCADENZA, oppure DENUNCIA DI FURTO O SMARRIMENTO della precedente Carta d'Identità resa presso le Autorità competenti, in originale, CARTA D’IDENTITÀ DETERIORATA;
  • TESSERA SANITARIA/CODICE FISCALE (Carta Nazionale dei Servizi);
  • (minori) MODULO DI ASSENSO per il rilascio della carta valida per l'espatrio, nel caso di minore accompagnato da un solo genitore;
  • (stranieri) PERMESSO DI SOGGIORNO O CARTA DI SOGGIORNO, in corso di validità;
  • (stranieri) PASSAPORTO O DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO DEL PAESE ESTERO (COMUNITARIO E EXTRACOMUNITARIO), rilasciato dal paese di origine, da presentare in caso di richiesta della prima carta di identità.

COSTO

Il costo per il rilascio della Carta di Identità Elettronica è di Euro 25,00 (€ 28,00 per il duplicato), di cui 16,79 quali rimborso in favore dell'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per i costi di emissione e spedizione.

Il versamento, in contanti, deve essere effettuato direttamente all'Anagrafe prima di procedere all'avvio della pratica di acquisizione dati.

TEMPI DI CONSEGNA

La consegna tramite posta entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta all'indirizzo di residenza o di domicilio indicato dal richiedente, che può essere anche l’Ufficio URP del Comune.

La CIE viene consegnata tramite lettera raccomandata e per il ritiro può essere indicato, al momento della richiesta, un delegato (nel caso dell’URP sarà il dipendente incaricato).

 

Modulistica

Pubblicato in Certificati e documenti

Adempimenti in tema di obbligo vaccinale per la frequenza di Asilo nido, Scuola dell'infanzia, Scuola primaria e secondaria

Il Ministero della Salute ha introdotto l’obbligo di sottoporre alle vaccinazioni i minori di età compresa tra 0 e 6 anni come requisito di ammissione all’asilo nido, micronido, scuola dell’infanzia. L’obbligo di vaccinazione riguarda le seguenti 10 vaccinazioni, che vengono somministrate gratuitamente dai Centri Vaccinali in base all’anno di nascita:

  • antipoliomielitica
  • antidifterica
  • antitetanica
  • antiepatite B
  • antipertosse
  • anti Haemophilus Influenzae tipo B
  • anti morbillo
  • anti rosolia
  • anti parotite
  • anti varicella (solo per i nati dall’anno 2017)

Il MIUR ha reso disponibile la circolare interministeriale MIUR - Ministero della Salute relativa alla semplificazione amministrative sugli adempimenti vaccinali per il solo anno scolastico 2018/19.

Le disposizioni riguardano gli alunni minori, di età compresa tra gli 0 e i 16 anni, che frequentano istituzioni scolastiche, formative ed educative e forniscono nuove indicazioni per il prossimo anno scolastico.

Con tale provvedimento si dispone che, nel caso di mancata presentazione entro il 10 luglio 2018, da parte dei genitori, della documentazione comprovante le avvenute vaccinazioni, i minori potranno essere ammessi alla frequenza delle scuole in base a dichiarazioni sostitutive presentate dai genitori, nei tempi e nei modi precisati nella circolare.

Nello specifico:

per i minori da 6 a 16 anni, quando non si tratta di prima iscrizione, resta valida la documentazione già presentata per l'anno scolastico 2017-2018, se il minore non deve effettuare nuove vaccinazioni o richiami;
per i minori da 0 a 6 anni e per la prima iscrizione alle scuole (minori 6 -16 anni) può essere presentata una dichiarazione sostitutiva di avvenuta vaccinazione.

Tali semplificazioni si sono rese necessarie a causa della mancata attuazione dell'Anagrafe nazionale vaccini, che potrebbe determinare un appesantimento delle procedure burocratiche a carico le famiglie e delle scuole. L'Anagrafe, per ora inattuata e oggetto di un decreto ministeriale di prossima emanazione, consentirà di monitorare i programmi vaccinali, di conoscere le ragioni delle mancate vaccinazioni e di misurare progressi e criticità del sistema. Di fatto, è la base per far decollare concretamente la vaccino-vigilanza, che potrà finalmente riferire puntualmente sugli eventi avversi riferiti ai vaccini impiegati e metterà a sistema i dati delle Regioni

Informazioni 

ATS Insubria
Numero verde 800 769 622 nei giorni feriali dalle 09.00 alle 12.00

Numero di pubblica utilità 1500
Il numero è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00

www.ats-insubria.it

www.regione.lombardia.it

Documentazione

  pdf Circolare MIUR anno scolastico 2018-2019 (199 KB)

pdf Modulo autocertificazione (223 KB)

pdf Allegato 2 - Tabelle per controllo adempimento obbligo vaccinale (492 KB)

pdf Informativa genitori - Asili nido e Scuole dell'infanzia (298 KB)

pdf Informativa genitori - Scuole primarie e secondarie (298 KB)

 

Pubblicato in Famiglia
Mercoledì, 14 February 2018 18:20

Reddito di inclusione (REI)

Cos'è il REI

Il Reddito di inclusione (REI) è una misura di contrasto alla povertà dal carattere universale, condizionata alla valutazione della condizione economica. I cittadini potranno richiederlo dal 1° dicembre 2017 presso il Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso che verranno indicati dai Comuni. Il REI si compone di due parti:

  1. un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI);
  2. un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune.

Dal 1° gennaio 2018 il REI sostituirà il SIA (Sostegno per l'inclusione attiva) e l'ASDI (Assegno di disoccupazione).

A chi si rivolge

Il REI nel 2018 sarà erogato alle famiglie in possesso dei seguenti requisiti.

Requisiti di residenza e soggiorno

l richiedente deve essere congiuntamente:

  • cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • residente in Italia, in via continuativa, da almeno due anni al momento della presentazione della domanda.

Requisiti familiari

Il nucleo familiare deve trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:

  • presenza di un minorenne;
  • presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore o un suo tutore;
  • presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica
  • rilasciata da una struttura pubblica).
  • presenza di un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione.

Requisiti economici

Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:

  • un valore ISEE in corso di validità non superiore a 6mila euro;
  • un valore ISRE (l'indicatore reddituale dell'ISEE, ossia l'ISR diviso la scala di equivalenza, al netto delle maggiorazioni) non superiore a 3mila euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti) non superiore a 10mila euro (ridotto a 8 mila euro per la coppia e a 6 mila euro per la persona sola).

Altri requisiti

Per accedere al REI è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:

  • non percepisca già prestazioni di assicurazione sociale per l'impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;
  • non possieda autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • non possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

Il beneficio economico

Il beneficio economico varia in base al numero dei componenti il nucleo familiare (vedi tabella 1) e dipende dalle risorse economiche già possedute dal nucleo medesimo.

Valore mensile massimo del beneficio economico

  • Numero componenti: 1 - ​Beneficio massimo mensile 187, 50 €
  • Numero componenti: 2 ​- Beneficio massimo mensile 294, 50 €
  • Numero componenti: 3 - Beneficio massimo mensile 382, 50 €
  • Numero componenti: ​4 ​- Beneficio massimo mensile 461,25 €
  • Numero componenti: ​5 ​- Beneficio massimo mensile 485,41 €

In particolare, il valore del beneficio massimo mensile è ridotto dell'importo mensile degli eventuali trattamenti assistenziali percepiti dalla famiglia nel periodo di fruizione del REI, esclusi quelli non sottoposti alla prova dei mezzi, come ad esempio l'indennità di accompagnamento.

Inoltre, se i componenti del nucleo familiare percepiscono dei redditi, il beneficio mensile del REI è ulteriormente ridotto di un importo pari al valore dell'ISR adottato ai fini ISEE (non considerando i benefici assistenziali già sottratti). L'ISR tiene conto, tra l'altro, delle spese per l'affitto (che vengono sottratte dai redditi fino a un massimo di 7mila euro, incrementato di 500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo) e dei redditi da lavoro dipendente (che vengono sottratti per il 20%, fino ad un massimo di 3mila euro).

Il beneficio viene concesso per un periodo massimo di 18 mesi e, se necessario, potrà essere rinnovato per ulteriori 12 mesi. In tal caso, la richiesta di rinnovo potrà essere inoltrata non prima di 6 mesi dall'erogazione dell'ultima mensilità.

Per fruire del REI occorre avere una attestazione ISEE in corso di validità. Poiché l'ISEE ordinario scade a gennaio di ogni anno, al fine di evitare la sospensione del beneficio, chi presenta la domanda per il REI nel mese di dicembre 2017 dovrà rinnovare l'ISEE entro marzo 2018. Invece, coloro che presentano la domanda per il REI dal 1° gennaio 2018, devono essere già in possesso dell'attestazione ISEE 2018.

Il versamento del beneficio decorre dal mese successivo alla richiesta. Condizione necessaria per accedere al beneficio è aver sottoscritto il Progetto personalizzato, con il quale la famiglia è tenuta a svolgere determinate attività.

Se il nucleo familiare non rispetta gli impegni previsti nel progetto senza giustificato motivo o se, per effetto di dichiarazioni false rilasciate nell'attestazione ISEE, risulta aver percepito un importo superiore a quello che gli sarebbe spettato, l'importo versato sulla Carta può essere decurtato fino ad arrivare, nei casi più gravi, alla sospensione e alla decadenza del beneficio. Sono inoltre previste sanzioni fino a 5mila euro nel caso in cui il beneficio sia stato fruito in maniera del tutto illegittima per effetto di dichiarazioni false riscontrate nell'attestazione ISEE volte a nascondere una situazione di relativo benessere.

Calcolo del beneficio massimo mensile

Per una famiglia composta da un singolo componente, la soglia di riferimento per il calcolo del beneficio massimo mensile è pari a 2.250 euro (vale a dire il 75% dei 3mila euro previsti dal decreto in sede di prima applicazione) e cresce in base al numero dei componenti il nucleo familiare, sulla base della scala di equivalenza dell'ISEE.

La soglia non può comunque eccedere il valore annuo dell'assegno sociale (5.824 euro per il 2017).

Numero componenti Scala di equivalenza ISEE Soglia di riferimento in sede di prima applicazione
1 1.00 2.250,00
2 1.57 3.532,50
3 2.04 4.590,00
4 2.46 5.535,00
5 2.85 5.824,00

Il beneficio massimo mensile si ottiene, quindi, dividendo l'importo annuo per 12 mensilità (vedi tabella 1).

Progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa

Il Progetto viene predisposto dai servizi sociali del Comune, che operano in rete con i servizi per l'impiego, i servizi sanitari e le scuole, nonché con soggetti privati attivi nell'ambito degli interventi di contrasto alla povertà, con particolare riferimento agli enti non profit.

Il Progetto riguarda l'intero nucleo familiare e prevede specifici impegni che vengono individuati da operatori sociali opportunamente identificati dai servizi competenti, sulla base di una valutazione delle problematiche e dei bisogni. La valutazione prende in considerazione diverse dimensioni: le condizioni personali e sociali; la situazione economica; la situazione lavorativa e il profilo di occupabilità; l'educazione, l'istruzione, la formazione; la condizione abitativa; le reti familiari, di prossimità e sociali.

La valutazione è organizzata in un'analisi preliminare, (da svolgersi entro 25 giorni dalla richiesta del REI) e in una più approfondita, qualora la condizione del nucleo familiare sia più complessa. Se in fase di analisi preliminare emerge che la situazione di povertà è esclusivamente connessa alla mancanza di lavoro, il Progetto personalizzato è sostituito dal Patto di servizio o dal Programma di ricerca intensiva di occupazione (varie misure di politica attiva del lavoro, in capo ai Centri per l'impiego, previste dai decreti attuativi del Jobs Act - D.lgs. 150/2015, artt. 20 e 23).

Il Progetto deve essere sottoscritto dai componenti del nucleo familiare entro 20 giorni lavorativi dalla data in cui è stata effettuata l'analisi preliminare. Solo per il 2018, il beneficio economico verrà concesso per un periodo massimo di 6 mesi, anche in assenza della sottoscrizione del progetto.

Iter della domanda

La domanda può essere presentata a partire dal 1° dicembre 2017 presso il Comune di residenza o eventuali altri punti di accesso che verranno indicati dai Comuni. Il beneficio viene concesso dall'Inps che, con la pdf Circolare n. 172 del 22 novembre 2017 (2.35 MB) ha messo a disposizione degli operatori il  pdf modulo di domanda (109 KB) e le istruzioni operative, tra cui il pdf modulo REI-com (109 KB) , da compilarsi nel caso di variazione della situazione lavorativa in corso di erogazione del beneficio.

Il Comune raccoglie la domanda, verifica i requisiti di cittadinanza e residenza e la invia all'Inps entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione. L'Inps, entro i successivi 5 giorni, verifica il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconosce il beneficio e invia a Poste Italiane la disposizione di accredito. Poste emette la Carta REI e tramite lettera invita il beneficiario a recarsi presso qualunque ufficio postale abilitato al servizio per il ritiro. Prima di poter utilizzare la Carta, il titolare dovrà attendere il PIN, che gli verrà inviato in busta chiusa presso l'indirizzo indicato nella domanda.

Carta REI

Il beneficio economico viene versato mensilmente su una carta di pagamento elettronica (Carta REI). Completamente gratuita, funziona come una normale carta di pagamento elettronica con la differenza che, anziché essere caricata dal titolare della carta, è alimentata direttamente dallo Stato. La carta deve essere usata solo dal titolare e permette di:

  • prelevare contante entro un limite mensile di 240 euro, al costo del servizio (indicativamente 1 euro di commissione per i prelievi negli ATM Postamat; 1,75 euro per i prelievi negli altri circuiti bancari) ;
  • fare acquisti tramite POS in tutti i supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitati;
  • pagare le bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali;
  • avere uno sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate, con l'eccezione degli acquisti di farmaci e del pagamento di ticket.

La carta può inoltre essere utilizzata negli ATM Postamat per controllare il saldo e la lista movimenti.

Per coloro che già beneficiano del SIA

Coloro ai quali è stato riconosciuto il SIA nell'anno 2017 continueranno a percepire il relativo beneficio economico, per tutta la durata e secondo le modalità previste. I beneficiari del SIA saranno inoltre abilitati, a partire dal 1° gennaio 2018, ai prelievi di contante entro il limite previsto per il REI (240 euro al mese).

Se i beneficiari del SIA soddisfano anche i requisiti per accedere alla nuova misura, potranno richiedere la trasformazione del SIA in REI. In ogni caso verrà garantita la fruizione del beneficio maggiore. Qualora si decida di passare dal SIA al REI, la durata del REI sarà ridotta del numero di mesi per i quali si è percepito il SIA. Il beneficio, in tal caso, verrà erogato sulla stessa Carta di pagamento.

Coloro che già beneficiano del SIA e non intendono passare al REI, alla scadenza del SIA possono comunque richiedere l'accesso al REI, se in possesso dei requisiti. In questo caso il REI avrà una durata massima di 6 mesi, al fine di assicurare una copertura complessiva del beneficio (SIA+REI) pari a 18 mesi.

Coloro che hanno finito di usufruire del SIA con il bimestre settembre/ottobre 2017 e che risultano avere i requisiti per accedere al REI riceveranno il beneficio anche nel bimestre novembre/dicembre, al fine di non interrompere il beneficio.

A decorrere dal 1° novembre 2017 la richiesta per il SIA non può più essere presentata.

Documentazione

pdf REI - sintesi (354 KB)

pdf Comunicazione Comuni Ambito (186 KB)

Pubblicato in Famiglia
Mercoledì, 07 February 2018 17:01

Utilizzo palestra "Nidrino"

Consulta il calendario per l'utilizzo della palestra

Pubblicato in Salute e sport
Mercoledì, 07 February 2018 12:27

SUE - Sportello Unico Edilizia

SUELo Sportello Unico per Edilizia (SUE) è lo strumento istituito D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 link esterno - normattiva (Testo unico dell’Edilizia) che consente di presentare e gestire telematicamente - in modo semplice, veloce e sicuro - tutte le pratiche legate all'edilizia residenziale. Il SUE è l’unico punto di accesso territoriale consentito e il riferimento per architetti, ingegneri, geometri e privati cittadini: riceve e gestisce infatti tutte le domande, dichiarazioni, segnalazioni o comunicazioni inerenti Segnalazioni Certificate di Inizio Attività, Comunicazioni di Inizio Lavori, Permessi di Costruire e ogni altro atto di assenso in materia di attività edilizia.

Tramite il SUE, la documentazione che fino a poco tempo fa si doveva presentare in più copie cartacee presso gli uffici pubblici, oggi si può trasmettere comodamente e in tutta sicurezza da casa o dall’ufficio, evitando code e ritardi, con in più la possibilità di monitorare costantemente l’avanzamento delle istanze.

Infine, lo Sportello Unico Edilizia offre all’utente un facile accesso agli elementi normativi e a tutte le altre informazioni necessarie per la presentazione e lo svolgimento delle pratiche e rende più agili e rapide le relazioni fra l’Amministrazione comunale, il privato e le altre amministrazioni eventualmente coinvolte nel procedimento.

Attualmente sono attivate le seguenti tipologie di procedimenti:

  • Comunicazione di Inizio Lavori (CIL)
  • Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA)
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)
  • SCIA alternativa al Permesso di Costruire (SCIA alt. al PDC)
  • Permesso di Costruire (PDC)
  • Comunicazione di Fine Lavori (CFL)
  • Segnalazione Certificata per la Agibilità (SCA)
  • Integrazione documenti

Accedi al SUE di Brunate: Brunate comune online - sportello SUE  link esterno - sportello SUE brunate

 

Moduli Edilizi Unificati e Standardizzati

Regione Lombardia ha definito dei moduli edilizi unificati. La nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata (d.g.r. n. 784 del 12 novembre 2018), aggiornata in base alla normativa comunitaria, nazionale e regionale, è disponibile in formato pdf compilabile.

Link alla pagina

 

INFORMATIVA RELATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PER LE PROCEDURE EDILIZIE
Prima che Lei ci fornisca i dati personali che La riguardano, in armonia con quanto previsto dal Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali n. 2016/679, dal D.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 c.d. Codice Privacy e dal D.lgs 10 agosto 2018, n. 101, il cui obiettivo è quello di proteggere i diritti e le libertà fondamentali delle persone fisiche, in particolare il diritto alla protezione dei dati personali, è necessario che Lei prenda visione di una serie di informazioni che La possono aiutare a comprendere le motivazioni per le quali verranno trattati i Suoi dati personali, quali sono i Suoi diritti e come li potrà esercitare.
1. Finalità del trattamento dei dati personali
I Suoi dati personali sono trattati al fine della gestione delle attività edilizie e dei titoli abilitativi come definite nel DPR 380 del 2001, ai sensi dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.
2. Modalità del trattamento dei dati
I dati sono trattati con l’ausilio di mezzi elettronici o, comunque, automatizzati e trasmessi attraverso reti telematiche. I medesimi dati possono essere trattati anche su carta, senza l’ausilio di mezzi elettronici.
Il Titolare adotta misure tecniche e organizzative adeguate a garantire un livello di sicurezza idoneo rispetto alla tipologia di dati trattati.
3. Titolare del Trattamento
Titolare del trattamento dei Suoi dati è l’Ente Comune di Brunate con sede in Brunate, via alla Chiesa 2
4. Responsabile della Protezione dei Dati (RPD)
Il Responsabile della Protezione dei dati (RPD) è contattabile al seguente indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o di posta certificata Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
5. Facoltatività e obbligatorietà del consenso
La informiamo che, in mancanza del Suo consenso, non sarà possibile procedere al trattamento dei suoi dati personali, quindi l’istanza sarà considerata improcedibile.

6. Comunicazione e diffusione dei dati personali
I Suoi dati potranno essere comunicati, per finalità istituzionali, ad altri titolari autonomi di trattamento dei dati pubblici o privati quali: Soprintendenza dei BB.AA., Comunità Montana del Triangolo Lariano, A.T.S. Insubria, A.R.P.A. Lombardia, Vigili del Fuoco

I Suoi dati inoltre, potranno essere comunicati a soggetti terzi (es. fornitori), in qualità di Responsabili del Trattamento, nominati dal Titolare. L’elenco di detti soggetti terzi è disponibile presso la sede del Titolare.

I destinatari dei Suoi dati personali sono stati adeguatamente istruiti per poter trattare i Suoi dati personali, e assicurano il medesimo livello di sicurezza offerto dal Titolare.
7. Tempi di conservazione dei dati
I dati personali saranno mantenuti per tutto il periodo della validità del titolo abilitativo (cinque anni dal rilascio di pratica paesaggistica, tre da pratica edilizia)
8. Diritti dell'interessato
Lei potrà esercitare i diritti di cui agli artt. da 15 a 22 del Regolamento UE 679/2016, ove applicabili, con particolare riferimento all’art.13 comma 2 lettera B) che prevede il diritto di accesso ai dati personali, la rettifica, la cancellazione, la limitazione del trattamento, l’opposizione e la portabilità dei dati.
Le richieste per l’esercizio dei Suoi diritti, dovranno essere inviate all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a mezzo posta raccomandata all'indirizzo Comune di Brunate via alla Chiesa 2 all'attenzione della Segreteria.
Lei ha, inoltre, diritto di proporre reclamo ad un’Autorità di Controllo.

Pubblicato in Imprese
Mercoledì, 31 January 2018 16:33

Parcheggi

Parcheggio S. Maurizio
Via G. Scalini
A pagamento dalle 08.00 alle 20.00 (€ 1,00 all'ora)

Parcheggio via Eroi Brunatesi
Via Eroi Brunatesi
A pagamento dalle 08.00 alle 20.00 (€ 1,00 all'ora)

Parcheggio C.A.O.
Via alle Colme
A pagamento dalle 08.00 alle 20.00 (€ 1,00 all'ora)

Parcheggio Laghetto
Via Laghetto
Parcheggio libero

Parcheggio Roccoletto
Via Pissarottino
6 Parcheggi liberi

Parcheggio Scuole
Via A. Volta
Parte a parcheggio libero
5 posti a disco orario max. 1 ora dalle 08.00 alle 20.00

Pubblicato in Trasporti e viabilità
Mercoledì, 31 January 2018 15:39

Funicolare

Funicolare in servizio

  • Partenza in contemporanea dalle stazioni di Como e Brunate.
  • Fermate a richiesta a Como Alta e Carescione.
  • Tempo di percorrenza: 7 minuti

Servizio

  • dal lunedì al venerdì dalle ore 06.00. alle ore 22.30
  • sabato dalle ore 06.00. alle ore 24.00
  • durante il periodo estivo, prolungamento del servizio fino alle ore 24.00

icon funicolarOrari

06.00 *06.15 *06.15 06.30 07.00 *07.15 07.30 07.45
08.00  08.15  08.30 08.45 09.00 09.15 09.30 10.00
10.30 11.00 11.30 11.45 12.00 12.15 12.30 12.45
13.00 13.15 13.30 13.45 14.00 14.15 14.30 14.45
15.00 15.30 16.00 16.30 17.00 17.15 17.30 17.45
18.00 18.15 18.30 18.45 19.00 19.15 19.30 19.45
20.00 20.15 20.30 21.00 21.30 22.00 22.30 -

(* Feriale 6)

Ulteriori informazioni

www.funicolarecomo.it link esterno - funicolare como

Contatti

ATM
Foro Bonaparte, 61  - 20121 Milano (MI)
Tel: 02480311 - info. 800808181
web: www.atm-mi.it link esterno - azienda atm milano
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Uffici Funicolare
Piazza A. De Gasperi, 4 - 22100 Como (CO)
Tel: 031303608
Fax: 031/302592

Comune di Como
Area Pianificazione del territorio
Via Vittorio Emanuele II, 97 - 22100 Como (CO)
Tel: 0312521
Fax: 031/252236

Pubblicato in Trasporti e viabilità
Pagina 1 di 4